18
mag2017

Fino a prova contraria

A un anno dalla scomparsa di Marco Pannella, il movimento Fino a prova contraria per una giustizia giusta ed efficiente (www.finoaprovacontraria.it) organizza a Firenze La Notte della Giustizia, una serata interamente dedicata al tema che intreccia la tutela dello stato di diritto, la certezza della legge e la competitività del paese.

Fino a prova contraria è nato nel marzo 2016 da una iniziativa a Villa Taverna alla presenza dell'ambasciatore statunitense John R. Phillips e dell'ex Guardasigilli Paola Severino, entrambi saranno presenti all'evento fiorentino che si terrà dalle ore 20 nella splendida cornice delle Serre Torrigiani (in via Gusciana, 21), Main Sponsor della serata.

‘Se cambia la giustizia, cambia l'Italia – dichiara la giornalista Annalisa Chirico, presidente del movimento – Noi siamo la start-up per una giustizia amica dei cittadini e delle imprese. Per troppi anni il tema è rimasto ostaggio di schermaglie partitiche, oggi è tempo per un approccio pragmatico: il nostro obiettvo è fornire soluzioni concrete ai problemi esistenti’. A tale scopo, Fino a prova contraria organizza momenti di confronto e riflessione mettendo insieme i diversi attori istituzionali, magistrati, politici, avvocati ed esperti.

Alla cena placée del 18 maggio, allietata da un intrattenimento musicale jazz, parteciperanno numerosi ospiti, alti magistrati e personalità politiche, tra quelli annunciati compaiono l’ex Guardasigilli Severino, l’ambasciatore Phillips, il primo presidente della Cassazione Giovanni Canzio, il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti, i sottosegretari alla Giustizia Gennaro Migliore e Cosimo Ferri, i consiglieri del Csm Claudio Galoppi ed Elisabetta Casellati, la presidente della Corte d’appello di Firenze Margherita Cassano, il sindaco della città Dario Nardella.

Per partecipare è obbligatoria la prenotazione scrivendo a info@finoaprovacontraria.it . C’è tempo fino al 12 maggio.